Connettersi con le radici della propria struttura

Questo strumento deriva dalla macinazione della radice dell’albero africano “Tabernanthe Iboga”, che si trova nelle profonde foreste di Gabon, Camerun e Congo.

Porta uno stato di coscienza espansa che ci permette di comprendere le questioni complesse della vita umana e soprattutto quelle personali che interferiscono con la nostra felicità; per questo è anche conosciuto come “l’albero della saggezza”. Ha anche un enorme potenziale come strumento di scoperta di sé e di liberazione da pesi inutili.

È stato utilizzato dai Bwiti, una tradizione iniziatica che deriva dal ramo più puro delle scuole mistiche dell’antico Egitto. Attualmente viene utilizzato in una moltitudine di cliniche ed è al centro di molti congressi di salute mentale e di psicologia clinica in Europa e in America grazie ai suoi risultati comprovati, con molte applicazioni legate all’autoconoscenza, al miglioramento di sé e alla ricerca spirituale.

Se sentite di essere a un punto della vostra vita in cui le strutture e gli schemi che avete creato o che sono stati creati dentro di voi sono superati e ve li portate dietro con la sofferenza che questo produce, è il vostro momento.